[Recensione] Angelo Gilardino: “60 Studi di virtuosità e di trascendenza”, Angelo Marchese

(C) dotGuitar

I sessanta studi di Gilardino rappresentano senza dubbio il più importante passo avanti nello sviluppo della tecnica chitarristica, sia nella sua accezione letterale e “meccanica”, sia nell’intenzione di dare agli studi un connotato musicale e formale rigoroso: una concezione dello “studio” che intende forgiare una tecnicità in grado di rendersi trasparente di fronte al contenuto del brano.

È in questa direzione che si colloca il lavoro di Angelo Marchese: il chitarrista siciliano propone la sua interpretazione di questo imponente corpus focalizzando la sua attenzione sulla minuziosa geometria architettonica che caratterizza ognuno degli studi e il loro ciclo complessivo. Non si tratta, dunque, di un mero lavoro di lettura, bensì di profonda analisi – prima – e di attenta scelta coloristica – poi. Ed è proprio questa scelta di colori che rende sbalorditiva l’interpretazione di Marchese: fin dall’esordio con il diabolico Capriccio sopra la lontananza, ci si rende conto di essere di fronte a un lavoro di cesellatura che evidenzia con precisione ogni elemento di articolazione; un lavoro che rievoca, senza farne rimpiangere l’assenza, i timbri di un’intera compagine orchestrale.

Non c’è fallo nella condotta virtuosistica dell’interprete che mantiene un costante e solido controllo della situazione sia nell’ampia cantabilità dei momenti più lirici e meditativi, sia nel fantasmagorico funambolismo dei passaggi più impervi.

Di fronte a un lavoro tanto prezioso, è doveroso levare un elogio a Angelo Marchese: la trasposizione sonora del testo è stata resa con una musicalità magistrale, alla quale la personalità del chitarrista, pur senza offuscarne la sostanza, aggiunge un elemento di ammirevole originalità. Un lavoro imperdibile.

Previews:

 

Social

Ermanno Brignolo

Ermanno Brignolo is a Sydney based classical guitarist born in Italy in 1981. His first approach with the guitar was at the age of five, following the instructions of his older brother Corrado. Later, he attended classical guitar lessons of Giampiero and Mina Biello, achieving the diploma with honours at the Conservatorio Guido Cantelli in Novara (Italy). Then he went on studying with Christian Saggese and Angelo Gilardino. His concert career started in 2002 and led him to perform in Italy and Europe. Among his most relevant concerts it is worth to mention some guitar festivals as Festival della chitarra di Lagonegro, Serate musicali in Nuoro, Bresciachitarra in Brescia, Claxica International guitar festival and competition in Castel d’Aiano, Concerti sotto La Luna in Costigliole d’Asti.

He has been playing both recitals and concerts in chamber ensemble as well as a soloist with the orchestra. He has been dedicatee of Toccata Breve, by Mauro Ronca (2009), Diptico de la oscuridad by Cristiano Porqueddu (2011, ed. Bèrben), Deuxième cahier des chansons anciennes by Alfredo Franco (2012, ed. Ut Orpheus) and À double registre by Carlo Francesco de Franceschi. He has recorded two CDs for dotGuitar (Deuxième cahier des chansons anciennes, featuring music by Alfredo Franco dedicated to Ermanno Brignolo, and Platero and I, the complete recording of the homonymous work for guitar and acting voice by Mario Castelnuovo-Tedesco, recited in Italian and in English by the actress Antonella Minarelli), though his most important recording project is The Andrés Segovia Archive, a 7 CD box distributed by Brilliant Classics and featuring for the first time the complete recording of the homonymous collection edited by Angelo Gilardino and published by Bèrben.

Aside of the guitar performances, the musical activity of Ermanno Brignolo involves different fields. Since 2000, he got in touch with record business and began his experience in computer music and recording techniques. In 2009 he founded Me.To. Recording studio for jazz and classical music recording and production. In a few years, this studio has become a benchmark for several guitarists in Italy and Europe. Since 2008 he is musical critic for the Italian guitar magazine Seicorde. Since 2010 he is the Artistic Director of Associazione PuntoPrimo. Since 2011 he is member of the scientific committee for the International Guitar Convention of Alessandria. Since 2014 he is guitar teacher at the Casimir Catholic College in Marrickville, NSW.
Social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *